lunedì 28 marzo 2011

Lo sposo...qualcuno l'ha visto???

Dal diario della Sposa Squattrinata: Lo Sposo

Più passano i mesi e più mi rendo conto che  l’unica cosa veramente importante che deve fare lo Sposo è esserci il giorno delle nozze. Per tutto il resto del tempo potrebbe benissimo partire per un viaggio intorno al mondo, e noi Future Spose ce ne accorgeremmo a malapena. Bè, è ovvio,quando si decide di sposarsi bisogna essere in due..ma una volta stabilita la fatidica data il contributo del fidanzato in questione è veramente minimo. Una volta passata l’euforia iniziale dell’annuncio a parenti e amici, i Futuri Sposi possono assumere due strategie di comportamento. La prima è defilarsi: cioè lasciare alla fidanzata il completo controllo dell’organizzazione matrimoniale, disinteressandosi di qualsiasi aspetto o limitandosi a partecipare a quelli veramente necessari (come l’assaggio del menu del pranzo di nozze, quello non se lo perderebbero per niente al mondo!). Questa tipologia di “Sposo Indifferente” afferma di fidarsi incondizionatamente del gusto della fidanzata, ma la verità è che non gli interessa un bel niente dell’allestimento dei tavoli, della tipologia dei fiori nè tantomeno del colore della carta delle partecipazioni! Anche una questione che dovrebbe riguardarlo,e cioè la scelta del vestito, lo Sposo Indifferente la rimanda fino all’ultimo momento ( “…Tanto c’è tempo!” ) causando così l’esaurimento nervoso alla Futura Sposa che un mese prima delle nozze lo trascina in un negozio e sceglie per lui l’abito che più s’intona con il suo. Questa categoria di Futuri Sposi, a dir la verità molto numerosa, riesce così a vivere i mesi precedenti il matrimonio in assoluta serenità e pacatezza, senza farsi minimamente turbare delle follie organizzatrici delle future consorti. Ma se siete uomini e state già pensando di attuare questa strategia, devo avvisarvi di un particolare da non trascurare: l’aspetto economico. Se lasciate carta bianca alla vostra fidanzata aspettatevi di ritrovarvi, il giorno delle nozze, su un cocchio trainato da quattro cavalli bianchi che vi condurrà in un castello seicentesco dove verrà allestito un banchetto per trecento persone, allietato da un quartetto d’archi e da fuochi d’artificio dopo il taglio della torta!
E ora passiamo alla seconda strategia, quella dello “Sposo Partecipe”: fanno parte di questo gruppo i fidanzati che tentano, con scarsissimi risultati, di dire la loro sull’organizzazione del matrimonio. In genere, i loro timidi interventi e le loro ingenue proposte non vengono mai presi in seria considerazione; le spose più comprensive fingono di ascoltare il suggerimento su un tipo di bomboniera  ben sapendo che hanno già scelto da mesi l’angioletto d’argento e swarovski! Spesso questi sposi solleciti si offrono anche di accompagnare le fidanzate nei vari colloqui con i fornitori,con esiti a volte imbarazzanti. Sabato scorso mentre io e la fioraia discutevamo da dieci minuti sull’opportunità o meno di usare tralci di edera per le composizioni accanto all’altare, il Quasi Marito è intervenuto candidamente: “Ma perché ci devono essere per forza due composizioni? Non se ne può mettere una sola? Io dalla mia parte ne faccio a meno!”
E’ calato il silenzio. La fioraia l’ha guardato un attimo, incerta se iniziare a spiegargli il delicato equilibrio di simmetrie che deve essere creato nell’allestimento della chiesa…ma poi ha preferito sorvolare ed è tornata a parlare con me della tonalità delle azalee. Gli Sposi Partecipi sono ancora pochi, ma stanno aumentando, e la questione su cui dovremmo interrogarci è: perché lo Sposo Partecipe vuole essere coinvolto? Per sincero Amore e Interessamento per la sua fidanzata? Forse si. Perché desidera una cerimonia che rispecchi il suo modo di essere? Ne dubito. Per un interesse fin’ora segreto per gli addobbi floreali? Molto poco probabile. La risposta  è un’altra: tirchieria! Gli Sposi Partecipi sono prima di tutto Sposi Squattrinati, e il loro scopo è uno solo: scegliere sempre la soluzione meno costosa, per cercare di limitare i danni!!

...agli sposi suddetti aggiungo un'altra categoria...il più pericoloso di tutti...
"lo sposo-sposa"!
Se il vostro futuro marito appartiene a questa categoria...cominciate a prepararvi psicologicamente...sarà una dura battaglia!
Lo sposo-sposa finge di essere indifferente all'organizzazione, lasciandovi abilmente credere di avere in pugno la situazione, ma, quando meno ve l'aspettate, ZAC!...prende in mano le redini e a voi non rimane che stare a guardare!
Lo sposo-sposa finge, per esempio, di disinteressarsi assolutamente a quello che volete inserire in lista nozze...ma appena vi girate...ZAC! ...comincia a discutere con l'addetto del negozio su quale sia la posata più comoda (non la più bella...la più comoda...con tanto di prova mimata dell'azione del tagliare la bistecca...e con tanto di "pesa" della forchetta...perchè non vuole assolutamente una forchetta troppo pesante, nè troppo leggera...!!!)...scelta del servizio di bicchieri: ZAC!...prova di ogni bicchiere o calice (mimando la degustazione del vino, ovviamente...)per controllare se l'apertura del bicchiere non sia per caso troppo stretta...potrebbe essere fastidioso bere da un bicchiere strettino per chi ha un naso un pò più importante!
...scelta della bomboniera: sposa che non vuole assolutamente la bomboniera...sposo che assolutamente la vuole!...Quale uomo non aaaaaama i gingilli!!!
Attente ai vostri futuri mariti, care spose, se appartengono a quest'ultima categoria il rischio è di ritrovarveli il giorno delle nozze depilati (comprese sopracciglia), truccati ed acconciati...ingioiellati peggio della Lollobrigida alla notte degli Oscar...qualcuno glielo dica che loro sono GLI UOMINI!!!!!


martedì 22 marzo 2011

CHIC & CHOC…ecco come si “spendono” i soldi!

MATRIMONIO EASY CHIC

MATRIMONIO EASY CHOC
Partecipazione carta tagliata a mano, con stampa classica grigio/blu/seppia 1,40 euro
Partecipazione carta perlata, con copertina in carta seta e busta in carta perlata, con stampa inchiostro glitterato 5,40 euro
Addobbo chiesa/ricevimento con composizioni di edera, ortensie bianche, orchidee bianche, rose bianche, candele, tappeto verde  1400 euro
Addobbo chiesa/ricevimento con composizioni floreali, nastri e fiocchi lungo tutta la navata e vicino ad ogni panca, tappeto bianco (usa e getta), petali ovunque, palloncini, 3000 euro 
Manicure sposa, comprensivo di scrub braccia, smalto chiaro  18 euro
Manicure sposa, con colata di gel o applicazione unghie finte (di misura quasi sempre sproporzionata rispetto a quella della mano), smalto, fiorellini, brillantini, swarovsky  100 euro
Vestito sposo, elegante e di marca, blu o grigio, con camicia bianca, gilet e cravatta  500 euro
Vestito sposo lucido, bottoni swarovsky, camicia raso, gemelli e spillone con swarovsky e/o perla (finta), gilet e cravattone  euro 2500
Bouquet sposa con orchidee bianche 150 euro
Bouquet sposa con rose, piume, perle e swarovsky    250 euro
Menu comprendente aperitivo, antipasto, 2 primi, 1 secondo con contorni, frutta, bouffet di dolci e torta nuziale  dagli 85 euro a persona
Menu comprendente aperitivo, antipasti a bouffet (rustici,a base di pesce, di carne, affettati, formaggi, fritti di pesce, fritti di verdura, ostriche crude, 1 pesce spada intero cotto alla brace al momento, carretto della trippa, ecc.), 2 primi, 2 secondi con contorni, sorbetto, un giro di pizza, frutta, bouffet di dolci, torta nuziale dai 110 euro a persona
Segnaposto a forma di fiore in ceramica bianca, con biglietto di ringraziamento degli sposi
60 centesimi
Segnaposto a forma di carrozza di cenerentola
2 euro
Bomboniera Angioletto della Rosenthal in porcellana bianca, con scatolo e confetti
dai 9 euro
Bomboniera a forma di zuppiera glitterara
(che tutti noi sogniamo di avere in casa…) dai 20 euro


…ed il vostro…che matrimonio sarà…???

UN GIORNO DI ORDINARIA FOLLIA PREMATRIMONIALE…

Futuro sposo (molto, ma moolto ingenuo…): “Amore, non mi sembra vero! E’ tutto pronto…chiesa, ristorante, partecipazioni, fiori, abiti, bomboniere, viaggio di nozze!”

Futura sposa: “Ma come tutto pronto? Mancano ancora le cose necessarissime! …Coni portariso, palloncini, bolle di sapone, lanterne volanti, coriandoli a forma di cuore, tableau, segnaposti, guestbook, giornalino dei testimoni, seconda bomboniera, terza bomboniera, regalino di ringraziamento, sacchetti di confetti, confettata, pralinata, tavolo delle caramelle, tavolo dei sigari e del rum…”

giovedì 17 marzo 2011

Il BON TON del segnaposto!

Signori, è ufficiale: ormai impazza la "segnapostomania"!

Da quello che si vede in giro, mi sono accorta che, purtroppo, si sta cominciando ad esagerare con la ricerca "forzata" della decorazione d'effetto, che stupisca, che sia originalissima, e che molto spesso tutto ciò non è sinonimo di eleganza, ma anzi... ed il risultato sono tavole talmente piene di menù, fiori, candele, confetti, carrozze di cenerentola, petali, piume, perle, farfalle...che in alcuni casi non c'è più posto per i piatti!

Ho deciso, perciò, di creare una sorta di galateo del segnaposto (so che può sembrare presuntuoso, ma tant'è...il blog è il mio! :)))) e quindi eccovi qualche "regola":

- Se scegliete come segnaposto un oggetto che può essere tranquillamente una bomboniera, non comprate altre bomboniere!  Una deliziosa miniwedding cake, una raffinata candela in vetro, una romantica sagoma in gesso profumato...confezionatele in scatole trasparenti ed infiocchettatele con dei bei nastri in organza: saranno degli splendidi cadeaux de mariage!

- Se mettete come segnaposto sacchetti o scatoline confezionati con confetti, risparmiatevi la confettata!
Al limite, invece dei classici cinque confetti alla mandorla, ne metterete di più e di tanti gusti diversi!

- Se, proprio, volete far trovare un oggettino ad ogni invitato al proprio posto, ma in aggiunta alla classica bomboniera: scegliete una cosa molto piccola, molto poco costosa...magari un biglietto, magari dalla forma particolare e legato ad un nastro d'organza e con su stampate delle belle frasi d'amore...  potrà poi essere conservato come ricordo in un'agenda o in un libro!

- Evitate di usare come segnaposto oggetti profumati (come gessetti, candele, saponi, ecc.) se non confezionati in scatola...rovinerete di sicuro il pranzo ai vostri ospiti! Già tra fiori e candele del centrotavola .................. pure l'effetto arbre magique...!!!!

In conclusione, vi metto le foto di un segnaposto carino, economico ed elegante che potrete realizzare anche da sole.
Per realizzarlo occorrono delle roselline di ceramica bianca (io le ho trovate in un grande centro per il bricolage al prezzo di 50 centesimi ognuna) e dei cartoncini del colore che preferite. Sui bigliettini potrete stampare un bel pensiero sull'amore, o una delicata frase di ringraziamento da parte di voi sposi, oltre che, ovviamente, i vostri nomi e la data delle nozze!

martedì 15 marzo 2011

Da "il diario di una sposa squattrinata"...la lista degli invitati!

Ogni tanto mi fa piacere pubblicare dei post carini che scrive Giulia, una delle future spose che sto seguendo nei preparativi delle nozze.
Giulia è simpatica da morire e con il suo "Diario di una sposa squattrinata" mi aiuta a sdrammatizzare "l'argomento matrimonio".
Diciamo pure che è un pò la mia controparte...wedding planner contro sposa...ma unite per il salvataggio!!!



Dal Diario della Sposa Squattrinata:

Avete in mente di sposarvi? Avete già pronunciato, o anche solo pensato di pronunciare la frase:
 “ Ma si, faremo una cosa semplice, solo noi e i parenti più stretti..”? Bè, allora siete dei poveri illusi, ma siete in buona compagnia…Anche noi, da bravi Sposi Squattrinati, ci siamo messi in viaggio in questa avventura del matrimonio con poche idee, ma ben chiare: niente sprechi, niente spese folli, niente pranzi che durano ore con parenti di cui non ci ricordiamo quasi il nome..insomma, eravamo convinti di essere liberi, anticonformisti, assolutamente padroni delle nostre scelte.
Mancano ancora 6 mesi, ma già i nostri propositi sono falliti sul nascere, almeno per quanto riguarda il numero degli invitati. Siamo partiti dal perentorio: “Solo i genitori, i fratelli e i testimoni!”, per poi ridimensionarci subito: “Magari ci fermiamo agli zii e ai cugini…” e infine accettare anche “..un po’ di amici più cari..”. Eravamo comunque ben sicuri di non superare le ottanta persone. Anche perché, come voi ben sapete, il pranzo di nozze è la spesa più impegnativa per una giovane coppia allo sbaraglio come noi, e quindi anche quella che bisognerebbe cercare di tenere sotto controllo. Ma è nel momento in cui, carta e penna davanti, bisogna stilare il fatidico elenco, che le cose si fanno molto, molto più difficili. Sotto i nostri due nomi abbiamo visto crescere la lista di secondo in secondo: una volta superata la soglia di sbarramento degli zii, infatti, non c’è più limite. Se si invita quella zia che ci sta tanto antipatica anche se a livello genetico è purtroppo nostra parente, come possiamo escludere la coppia di amici di famiglia con i quali siamo cresciuti e che abbiamo sempre chiamato zii anche se non lo sono?? Arrivati al secondo grado di parentela potremmo anche fermarci..ma inizia già a riempirsi la colonna degli amici. Amici miei, amici tuoi, e amici “della coppia”, tutte persone con le quali non vediamo l’ora di condividere una bella festa e una bella mangiata. Già il numero dei nomi in lista supera le nostre iniziali aspettative..ma mancano ancora quegli “amici” di cui avremmo fatto volentieri a meno, ma che ci hanno già invitato al loro matrimonio, quindi non si scappa!!! Poi passiamo ad esaminare gli ambienti che frequentiamo: colleghi di lavoro (“non posso non invitare la mia capa, me la farebbe pagare per sempre!!”), le compagne del corso di danza, gli amici della kick boxing…a questo punto ne avremmo veramente abbastanza, ma non abbiamo fatto i conti con le richieste dei nostri genitori! Hanno promesso di “lasciarci liberi di decidere tutto noi”, ma mettete in conto che loro hanno sicuramente in mente un parente di cui vi eravate completamente dimenticati o un’amica che vi ha visto appena nati….
A questo punto, con grande sgomento, contate i nomi sulla lista. Siete a 150, 80 solo gli Amici. Vi guardate sconsolati…il Quasi marito tenta di riprendersi provando a contare quanti sono i bambini sotto i 10 anni (“perché quelli pagano di meno…”), ma alla fine conclude con rassegnazione: “E’ chiaro che non possiamo risparmiare sul pranzo..risparmieremo su tutto il resto..almeno questa è la lista definitiva: non dobbiamo tornarci più sopra!” Voi annuite, ma pensate che è un po’ ingenuo…da qui a 6 mesi chissà quante persone simpaticissime, amabili, interessanti e soprattutto degne di essere presenti al vostro matrimonio conoscerete!

lunedì 14 marzo 2011

Addio al nubilato...la cosa più divertente di tutta la "faccenda matrimonio"!

Se avete mai girato per siti di wedding planners, vi sarete sicuramente accorti che tra i "servizi" offerti c'è spesso anche l'organizzazione dell'addio al nubilato, ossia quella serata di festa in cui la futura sposina saluta le amiche prima di convolare.
Ma quale mai potrebbe essere il motivo di assoldare un wedding planner per questo? Serve forse per la scelta dell'abito, della location, della selezione musicale, del menu, dei cadeaux, ecc.?

Detto questo, risparmiatevi i soldi e seguite questi semplici consigli:
- abito, trucco e parrucco da panterona a caccia, perchè il vostro fidanzato, vedendovi uscire preparate in quella maniera, dovrà "schiattare" ed allo stesso tempo pensare a quale meraviglioso dono gli avete fatto concedendogli di sposarvi!
- location, discoteca o altro locale in cui ci sia la possibilità di bere, mangiare e ballare...(vi prego...assolutamente vietate le cene in ristorantino tranquillo intimo e, peggio ancora, le cene in casa con mamma e zie che cucinano la famosa pasta a forma di...);
- amiche, scatenatissime, più della futura sposa che, nonostante il tasso alcolico che raggiungerà a fine serata, si vergognerà comunque per tutto il tempo!
- cadeaux, niente naturalmente per le amiche!...ma per la quasi signora...c'è n'è di tutti i gusti!

Dunque, riprendendo il discorso, l'addio al nubilato è quella serata folle in cui si esce con le amiche, tutte con l'animo di tredicenni, svestite più che vestite, tutte con simpatici pacchettini regalo in borsetta (io ho scartato un fermaglio per capelli, una spilla, un piumino per la polvere, un aggeggino a molla che camminava da solo sul tavolo, una trombetta...tutti a forma di simpatico...e sono stata anche obbligata ad indossarli...e fotografata...) e si fa baldoria tutta la sera...ma la cosa più bella in assoluto, e che vi rimarrà impressa per sempre, è la meravigliosa sensazione di camminare ad 1 metro da terra perchè dopo pochi giorni vi dovete sposare, ed in quel momento lo state gridando al mondo e tutto il mondo vi sta guardando (tralasciando che avete un fermaglio a forma di ..... in testa ed una identica spilla appuntata sul top...)!


Come ultimo appunto: non state a sentire chi vi dice "ma mica ti chiudi in clausura, ti sposi! Ne avrai sempre ancora di serate con le amiche!"...balle!!!!!!!!
 All'inizio del matrimonio c'è la fase in cui voi non vorrete uscire perchè preferite di gran lunga fare i piccioncini nella vostra nuova meravigliosa casa; poi arrivano i figli.....insomma: io sono sposata da 5 anni e serate come quella del mio addio al nubilato non ne ho ancora avute, ed anzi 2 settimane fa sono stata al cinema con la mia migliore amica (dopo circa 1 anno, anche perchè lei vive ormai a 5 ore di macchina da me) ed è venuto "giustamente" a nevicare...!!!


Tra i vari modi per festeggiare, voglio menzionare anche l'iniziativa di un gruppo di "pazze"ragazze della provincia di Monza che hanno pensato di festeggiare proprio alla grandissima l'addio al nubilato di una di loro.
Sulla scia di "mi sposo con lo sponsor" si sono inventate perciò "l'addio al nubilato con lo sponsor", con la speranza di un giro tutte insieme alla scoperta delle bellezze d'Italia, chiedendo ospitalità a chi volesse, in cambio di una buona dose di pubblicità!
Io non posso fare altro che linkarle, perchè l'idea di sistemarsi con le tende ed i sacchi a pelo nel mio giardino non credo le abbia allettate molto...tra l'altro Avellino credo sia la città più piovosa d'Italia...
Il loro blog è www.ancoranubiliinitalia.blogspot.com/ e vi consiglio una visitina perchè è molto simpatico!
nubili bassa def.bmp

Ok! In chiusura di serata, per par condicio, vi dò dei cenni anche sull'addio al celibato del mio allora fidanzato:
nello stesso momento in cui io varcavo il portone di casa mia per l'uscita più fantastica che potessi immaginare, anche lui usciva di casa, ma si era addirittura organizzato un fine settimana a Bologna con la sua "cricca":....bè...diciamo che a Bologna ci sono arrivati il giorno dopo...trainati da un carro-attrezzi....visto che la monovolume noleggiata li aveva lasciati a piedi sull'autostrada.....potere della mente...!!!

domenica 13 marzo 2011

Segnaposto semplice, elegante e...soprattutto...economico!

Vi metto qui delle foto di segnaposto che sto realizzando per una prima comunione.
E' un'idea semplice che vi permette di aggiungere alla tavola un tocco di colore (perchè no, anche ai matrimoni!), ed un "benvenuto" per l'ospite che occuperà il posto, senza però appesantire la tavola o riempirla di "seconde bomboniere"!
La cosa più importante è che questi segnaposto sono semplicissimi da fare, potete farli anche molto tempo prima perchè tanto il confetto dentro non lo mangerà nessuno e quindi ci può stare che "si secchi" un pò e, cosa più importante, per realizzarne uno ci vogliono pochi centesimi, perchè ci vogliono, semplicemente, un dischetto di tulle, un confetto, un nastrino di organza lungo circa 30 cm!


sabato 12 marzo 2011

Ah!!!!!!Allora oggi risate!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Dopo una settimana un pò bruttina perchè mio marito è partito, un pò troppa stanchezza accumulata, l'alfabeto della sposa da salvare finito...non avevo ancora idee carine per un post!
Ma, miracolosamente, a rianimarmi è arrivata lei! La persecutrice!!!!
Mentre girovagavo per i fatti miei su un forum ad argomento organizzazione matrimonio, rispondo ingenuamente ad un'ingenua domanda di una prossima sposa...e badabam...non l'avessi mai fatto!!!
Per il testo integrale della discussione vi rimando al mio post precedente, tenendo però a precisare che io non ho mai detto, scritto o fatto capire, nella discussione, di essere un'organizzatrice di matrimoni, il tono era "tra spose", cioè io ho detto proprio "quando mi sono sposata IO ho speso meno"...
Sono 2 giorni che la persecutrice wedding planner, mi perseguita, mi offende, non so come ha trovato l'indirizzo del mio blog da qualche parte e mi ha scritto pure qui, lasciandomi pure il suo cellulare ed il suo nome (perchè magari per chi non l'avesse capito questa si vuole fare pubblicità con me!...ma io sono una signora ed i commenti non glieli cancello!) e dicendo che io la diffamo e che sta pensando addirittura a querelarmi (ma si vede che è proprio da rinchiudere...a parte che non ti conosco proprio, non so chi sei, come ti chiami e mai ti ho nominato...ma sai cos'è la diffamazione?).
Allora ho avuto un'idea geniale!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Visto che secondo la persecutrice per avere un matrimonio come lo ho avuto io a quel prezzo (parliamo di 20000 euro, se proprio lo volete sapere, non è che parliamo di 1000) è stato perchè gli amici, anzichè farli stare seduti a cenare, li ho messi a parcheggiare, suonare, animare i bambini, oltre che a truccarmi e pettinarmi...e magari qualcuno ha pure cucinato...SALVATELASPOSA LANCIA UN NUOVO GIOCO!!!

Dopo City Ville (per chi non lo conoscesse, è su facebook) da oggi c'è SALVATELASPOSA VILLE!!!!!

Attenti amici! Sto per inviarvi le cartoline di precetto, ma dovete affrettarvi perchè i posti sono limitati!
Abbiamo da assegnare:
- 3 camerieri
- 2 cuochi
- 2 hostess
- 1 animatore per bambini
- 1 suonatore munito di organo con basi preregistrate
- 1 cantante chiesa
- 1 truccatore
- 1 parrucchiere
...- 1 marito, ovviamente!
...e mi raccomando, sudate, faticate...e non pago nessuno!!!!

venerdì 11 marzo 2011

OK....stasera sto' nera..............

Motivo? Litigio con la "Santa Maria Goretti" delle weddings planners....
La signora in questione, la quale nella vita, a detta sua, prende solo il compenso necessario a pagarsi i trasporti e le telefonate...ma non dagli sposi...bensì dai fornitori...si è permessa di offendere ME!
Motivo:
giovane futura sposa:" io e il mio ragazzo vorremmo sposarci e vorremmo sapere quanto dovrebbe essere il budget per un matrimonio (escludendo il viaggio di nozze)...avremo circa 70-80 persone ed intendiamo fare un matrimonio modesto..."
signora in questione:"...credo che una cifra già medio-bassa si aggiri intorno ai 20.000 euro..."
io:"mi pare un pò esagerato...io mi sono sposata, diciamo, in "grande stile" ed ho speso meno..."
signora in questione...a me:"impossibile. Se hai speso meno significa che qualcuno ha fatto qualcosa gratis. Quindi immagino che la tua idea sia: sfruttiamo la gente, così spendiamo poco, ma non è un'idea onesta".
ECCO COSA MI TOCCA SENTIRE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Ammetto certo, che quando mi sono sposata ho ricevuto degli sconti da gente amica, ma, scusate, se uno si sposa e c'ha l'amico fotografo che gli fa un prezzo di favore, se il vino l'ho comprato a parte perchè conosco una casa vinicola che mi ha dato un ottimo vino ad un ottimo prezzo, se mi sono comprata il vestito da sposa da 2.500 euro ma le scarpe le ho pagate 19...questo significa sfruttare la gente ed essere disonesti?
A casa mia tutto questo significa fare delle scelte con intelligenza e, se non avessi avuto le possibilità, anche il vestito invece di 2500 l'avrei comprato da 250 euro...ma non per questo avrei avuto un matrimonio meno bello....
Questi sono i "professionisti" che si trovano in giro...ti dicono che guadagnano dal fornitore e che a te non chiedono niente...e poi al fornitore gli sposi lo pagano il doppio...
La vera onestà invece sta nel farsi pagare quello che è giusto (conoscete forse un medico, un avvocato, un ingegnere, un operaio, un commerciante...che lavorino gratis?) e, certo, è vero che alcuni fornitori tendono a regalare qualcosa se gli commissioni un lavoro, ma l'onestà sta nel "metterci la faccia", nel consigliare i fornitori migliori, anche se quelli magari non hanno bisogno di pubblicità e quindi non regalano niente a nessuno...
la disonestà è organizzare un matrimonio in una location pessima solo perchè "ti rifilano qualcosa"!!!

Secondo certa gente per avere un "matrimonio modesto con 70 invitati ci vogliono 20.000 euro"!!!
Secondo me li puoi portare pure in pizzeria!...o nell'Hotel 4 stelle che ti fa, su una magnifica terrazza, torta e champagne a 10 euro a persona...!!!

...la mia sarà pure una missione disperata...ma non smetterò di cercare di convincere la gente a non farsi i debiti per sposarsi!

...e scusate lo sfogo...le risate alla prossima!!!

mercoledì 9 marzo 2011

A che vi serve un wedding planner?

Io sono l'incarnazione vivente del detto "chi fa da sè, fa per tre", sono l'antifiducia per eccellenza, sono talmente pignola, critica e precisina che non riesco a delegare mai niente (se sono costretta a farlo, controllo e ricontrollo tutto), sono capace di notare, se mi fanno visitare una location per un ricevimento, che al centro del prato inglese c'è una molletta per i panni che è caduta dal terrazzo....questo per farvi capire che tipo di rompiscatole sono...immaginatevi quando mi sono sposata io....non avrei delegato l'organizzazione ad un wedding planner neanche sotto tortura!

...Ebbene...vi dico, proprio io, che cosa mi sarei risparmiata se invece lo avessi fatto, perchè in fondo, il giorno del vostro matrimonio, o fate l'organizzatore-controllore, o fate semplicemente le spose!!!!

- mi sarei risparmiata di dover litigare per le partecipazioni e di farle rifare 2 volte: la prima perchè era sbagliato il nome e la seconda perchè erano sbagliati il carattere, il colore e l'impaginazione!

- mi sarei risparmiata di spedire mia madre e mia sorella (io non ci potevo andare...)  la mattina del matrimonio alla villa, per controllare che apparecchiassero bene, che mettessero il segnaposto come volevo io, che non sbagliassero la disposizione dei tavoli, che non sbagliassero ad assegnare il nome a ciascun tavolo, ecc.; tra l'altro se mia madre fosse rimasta a casa non avrei dovuto intrattanere una cara signora che aveva deciso di venire a casa a portarmi un regalo ed a chiacchierare un pò mentre mi dovevo vestire, pettinare e truccare...

- mi sarei risparmiata telefonate varie casa-chiesa, perchè il prete non si decideva ad arrivare, e la relativa ansia finchè non è arrivato!

- mi sarei risparmiata di andare a dire alla band di abbassare il volume dell'amplificatore;

- mi sarei risparmiata...il mascara un pò colato a fine serata...ma cavoli nessuno me lo poteva dire di andarmi a dare una sistematina????

-mi sarei risparmiata la "sorpresa" delle bomboniere....ma se, maniacale dei dettagli o meno, ti commissiono una bomboniera in una scatola blu chiusa da un fiore d'organza bianco, mi avrai anche fatto una sorpresa ed un "regalo" perchè a te è costato di più, ma me lo volevi chiedere se per me andava bene sostituire i miei fiori bianchi con rami di perline viola????????????????????????

lunedì 7 marzo 2011

L'alfabeto della sposa...da salvare! (ultima parte)

U – come “unico”. Quando chiedete ad una futura sposa come desidera il suo matrimonio, risponderà “unico”, ed il ricevimento, l’atmosfera, il vestito, le bomboniere, annessi e connessi, risponderà sempre, con gli occhi sognanti…”unico, unico, unico…”…allora com’è che se proponiamo no alla confettata ci rispondete “ma la fanno tutti!”, oppure al consiglio di mettere le scarpe bianche “ma ora vanno tanto colorate!” o, ancora, all’allestimento floreale in giallo e arancio “ma quest’anno è l’anno del lilla…!”e addirittura all’interno di un salone per ricevimenti “ma le sedie non mi convincono, non è che si possono rivestire con quei bei copri-sedia bianchi con il fiocco che mettono tutti?”…uniche!!!

V – come “video”.
E qui vi riassumo poche semplici regole per “la gestione video del matrimonio”:
- ricordatevi che il giorno delle nozze siete le spose, non le protagostiste di una telenovela venezuelana degli anni ’80, quindi rifiutate assolutamente (perché il fotografo-video-operatore ve lo chiederà, oh se ve lo chiederà…!!!) di entrare nel salotto di casa vostra facendo la faccia finto sorpresa-finto emozionata alla vista dei parenti, rifiutate di mostrare il bouquet a vostra madre mimando con il labiale “guarda…ti piace il mio bouquet?”, facendo finta che lei non l’abbia mai visto e compiacendovi quando lei mimerà un attimo di meraviglia, facendo a sua volta finta di dimenticare tre mesi d’inferno durante i quali vi siete quasi prese per capelli fino ad arrivare alla scelta finale del bouquet!
- chiedete a chi vi realizzerà il video di girarlo in maniera naturale, quasi di nascosto, per cogliere momenti reali (beh…magari mentre siete versione “pazza isterica- i capelli non mi piacciono-il trucco si scioglie-il vestito mi fa difetto”…è meglio chiudere la porta…)
- scegliete preferibilmente voi le musiche che verranno poi montate con le immagini. A tal proposito rammento quando mi sono sposata io…mio marito (allora futuro) minacciò il fotografo di morte in caso gli avesse messo come sottofondo canzoni di Pino Daniele, Baglioni e similari…poi si è presentò da lui con i suoi amatissimi CD (minacciandolo di nuovo di morte nel caso fosse loro accaduto qualcosa) e con allegata selezione di brani da utilizzare per il montaggio…beh…il risultato è “unico” (vedi sopra…)!
- chiedete di non riprendere gli ospiti durante il pranzo. Non vi è mai capitato di essere ospiti ad un matrimonio e, mentre state mangiando, bevendo, criticando il cibo, il vino, i vestiti degli invitati, della sposa, della sorella dello sposo, ecc. vi si para davanti la telecamera (con annesso faro abbagliante) che fa una panoramica del tavolo e…tutti immobili, bocca chiusa e boccone di traverso, cercando di sorridere come gli ebeti???...vi prego, risparmiate tutto questo ai vostri ospiti!

Z – zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzz…sentite, non me ne viene in mente neanche una!...aspetto suggerimenti…!!!

martedì 1 marzo 2011

L'alfabeto della sposa...da salvare! (sesta parte)

R - come ringraziare. Tanta attenzione a tutto nell'organizzare il vostro matrimonio...e vi dimenticate di ringraziare? E non parlo di bigliettini e segnaposto vari con confettino e scritta di rito "gli sposi ringraziano", ma semplicemente mi riferisco al ringraziare chi interverrà al vostro matrimonio e soprattutto, nel caso abbiate fatto una lista di nozze, chi vi ha fatto un regalo!Purtroppo molti negozi che offrono il servizio lista nozze hanno il brutto vizio di consegnare, solo quando sarete pronti per il ritiro,  l'elenco dei regali e di chi ve li ha fatti ( ...e spesso lo fanno per non farvi rendere conto di quanto della vostra lista sia stato già venduto, in modo da riproporre agli inconsapevoli acquirenti sempre le stesse cose...risultato: avrete in regalo 8 servizi delle posate che avete scelto...certo le potete cambiare...ma i vostri amici e parenti ne saranno felici?...e, soprattutto, se non vi piace più niente nel negozio, con cosa le cambiate?), ed accade immancabilmente che, tra viaggio di nozze, casa nuova, ecc., vi dimentichiate di ringraziare, soprattutto chi vi ha preso un bel regalo, ma magari non è potuto intervenire di persona alle nozze. Buona norma, perciò, vorrebbe che almeno una volta alla settimana passiate dal negoziante per controllare "l'andamento della lista" (alcuni, più precisi, vi notificano di loro iniziativa ogni acquisto) e ringraziare, man mano, con una garbata telefonata chi vi ha fatto un regalo!

S - come segnaposto. Oggi c'è la tendenza all'abbandono della bomboniera (soprattutto perchè considerata inutile e costosa, perchè "tanto non piace mai a nessuno"...e quindi, diciamolo pure, per evitare di "buttare soldi"), ma è in ascesa la strana controtendenza all'acquisto dei segnaposto. Ora, se al pranzo di nozze sarete in trenta, seduti ad un unico grande tavolo, ben venga l'utilizzo dei segnaposto indicanti il nome di ciascun commensale (quello è appunto l'uso per cui sono nati, per segnare il nome di chi deve sedersi, non per identificare un posto x, quello è già identificato da piatto, bicchieri e posate!) Ancora, se avete deciso di non consegnare bomboniere, assolutamente si ad un bel sacchetto di confetti per ognuno, al proprio posto! Se volete semplicemente abbellire la tavola, usando un semplice confetto confezionato, o un fiore, come segnaposto, si, si, si!...........Ma...............è concepibile usare come segnaposto (quindi ve ne occorrono almeno un centinaio) degli oggetti che SONO delle bomboniere, IN AGGIUNTA alle bomboniere???...cavoli, siete dei veri nemici degli sprechi!!!

T - il mitico TABLEAU DE MARIAGE...che, altro non è, che un cartellone su cui è pianificata la disposizione dei tavoli e degli ospiti. Ovviamente legato al tema che avete scelto per il ricevimento, la preparazione del tableau è diventata un'opera paragonabile all'affrescatura della Cappella Sistina...si gira per mesi in cerca di consigli per "tableau originali" (vedi quello con i nomi dei farmaci all'alfabeto - quarta parte), si litiga per settimane sui forum con altre future spose che vi criticano le idee o ve ne danno di assurde, si cerca un'artista che ve lo prepari, e così via! Insomma, fatelo come volete, fatevelo voi, ricordate solo che:
deve essere d'aiuto agli ospiti (del tipo: sarà pure bella l'idea di usare come tableau un albero e segnare tutti i nomi su dei bigliettini appesi...ma ve le immaginate 130 persone che fanno la fila accalcate davanti ad un alberello, cercando gli occhiali in borsa o cercando un giovane che non ne ha bisogno e può leggere per loro, e cercando il loro nome su innumerevoli bigliettini appesi ai rami?), quindi deve essere chiaro nella disposizione dei tavoli (che vanno rappresentati preferibilmente così come si trovano nella sala), e chiaro nell'indicazione dei nomi (scritti anche belli grandi). Soprattutto non mettete gli stessi nomi abbinati a due tavoli diversi: pensate di lasciare possibilità di scelta, ma mettete solo gli ospiti nell'imbarazzo di scegliere tra amici e parenti seduti ad un tavolo o ad un altro. E....soprattutto......... se preferite potete benissimo semplicemente numerare i tavoli senza scervellarvi con nomi strani, ma ...assolutamente...non fate il tableau incollando i fogli bianchi A4, stampati in casa o in ufficio, alla parete della sala...!!! E, piuttosto che fare un poster di cartoncino, comprate una bella tela bianca già montata (quella che si usa per dipingere ... un quadro bianco, per intenderci)!

...continua...